Torre del Greco patria di coralli e cammei

Condividi

Torre del Greco (Torre ‘o Grieco in napoletano) è un comune di 85 762 abitanti. La città è situata nelle immediate vicinanze del parco nazionale del Vesuvio, tra il Vesuvio e il golfo di Napoli ed è il quarto comune della regione per numero di abitanti. Nel mondo è famosa per la lavorazione dei coralli e dei cammei. Fin dal 700 in città nacque un fiorente settore artigianale legato a questi preziosi materiali naturali.

La tradizione del cammeo

I primi a creare i cammei furono gli antichi greci, e per realizzarli utilizzavano l’agata. A Torre del Greco questa arte è giunta da Napoli nel secolo scorso. Il materiale utilizzato sono le conchiglie, si creano dei bassorilievi sfruttando i due strati di colori diversi. Incidendole si ottiene un disegno in rilievo sfruttando i loro colori naturali. Lo strato in superficie è bianco, mentre quello sotto scuro. Per realizzare un cammeo di qualità, c’è bisogno di artigiani esperti che lavorano la madreperla come dei veri e propri artisti.

La patria del corallo

In città oltre alla lavorazione delle conchiglie per fare i Cammei da sempre si lavorano i coralli. La tradizione del corallo nasce a Torre del Greco nel 1700. Prima di allora i torresi il corallo lo pescavano solamente, poi grazie a un Paolo Bartolomeo Martin un francese di Marsiglia, ma con origini genovesi, ebbe inizio anche la lavorazione.

In Italia si pesca soprattutto in Sardegna e in Corsica. Viene pescato a una profondità di 100 metri da sub specializzati e con metodi mirati e meno devastanti per l’ambiente. In Asia i mari migliori sono quelli tra Cina e Corea del Nord.

CoralWaves e i suoi artigiani

Gli artigiani di CoralsWaves vendono le loro lavorazioni del corallo in tutto il mondo. Pezzi pregiati, vere e proprie opere d’arte, che potrai scoprire visitando il nostro shop on line

Etichettato , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »